Ordinanza regionale 17 maggio 2020

Informazioni Generali

  • 18/05/2020 - 17/06/2020

Ordinanza regionale 17 maggio 2020

Gentili concittadini,
 
​​ecco in breve una sintesi dell’ordinanza regionale n. 547 del 17 maggio, in vigore dal 18 maggio al 31 maggio 2020, (che allego per conoscenza):
 
❗️fatto obbligo l’uso della mascherina (anche autoprodotta), la disinfezione delle mani, il distanziamento sociale di almeno un metro (no sotto i sei anni e no per attività fisica intensa - sì al termine dell’attività fisica), ogni volta che si esce di casa;
❗️resta in vigore la rilevazione della temperatura corporea nei luoghi di lavoro e il confinamento di persone con temperatura superiore ai 37,5 °C o in quarantena per Covid-19;
⛔️ No slot machines;
✅ sì alle professioni di montagna, alla riapertura (con limitazioni) di rifugi e bivacchi e di parchi faunistici;
✅ Possono riprendere le attività di guida turistica;
✅ si possono svolgere attività sportive, individualmente e all’aria aperta;
✅ è consentito l’uso di impianti sportivi ALL’APERTO, per attività individuali, per lezioni individuali o per piccoli gruppi (quattro persone, esclusi gli istruttori);
⛔️ restano chiuse piscine e palestre;
✅ è consentito l’allenamento e l’addestramento di cani e cavalli, individualmente;
✅ sono consentiti i censimenti e i piani di controllo della fauna selvatica, come la caccia di selezione.
 
Inoltre l’ordinanza regima la pulizia del verde, ove richiama, per i gruppi, la distanza interpersonale, la sanificazione dei materiali e l’osservanza di evitare lo scambio di attrezzature.
 
La nostra biblioteca potrà riprendere l’attività di prestito dei libri (che verrà trattata a parte), seppur  con limitazioni e accortezze.
 
L’allegato uno dell’ordinanza riporta le indicazioni, alle quali fare riferimento, per:
- ristorazione;
- strutture ricettive;
- servizi alla persona;
- commercio al dettaglio, diviso per aree tematiche;
- altro.
 
​In sintesi, per tutte le attività commerciali e non, vi è l’obbligo di disporre note informative e concettualmente quello di evitare la vicinanza tra le persone, la vicinanza tra gestori e clienti/utenti (nel limite del possibile). Insomma avere le accortezze per evitare e contenere il più possibile il contagio, che rappresenta per tutti un pericolo sensibile e ancora vivo.
 
 
​Gli argomenti non normati dall’ordinanza regionale, vengono trattati dal DL n. 33 del 16 maggio e dal DPCM del 17 maggio valido dal 18 maggio al 14 giugno p.v.
 
 
⛔️ sono vietati gli spostamenti tra regioni, concessi all’interno della regione;
⛔️ sono vietati gli assembramenti (più di due persone);
❗️i parchi e le aree gioco potranno essere aperte, solo con limitazioni sempre finalizzate al contenimento della pandemia, evitando quindi i contatti tra nuclei familiari, mantenendo la distanza interpersonale, usando le mascherine, anche per bambini dai tre anni;
❗️Per le attività sportive e motorie è richiamata la distanza di metri due;
⛔️ restano sospese le attività in sale da ballo e discoteche, al chiuso ed all’aperto, come lo svolgimento di fiere e congressi;
⛔️ gli spettacoli aperti al pubblico, le sale cinematografiche e altre similari sono sospese fino al 14 giugno;
✅ riaprono invece musei e luoghi culturali, con limitazioni;
✅ riprendono le funzioni religiose con un protocollo precisato, sempre finalizzato all’attenzione della salute, come posti limitati, disinfezione e uso dei dispositivi di protezione;
⛔️ rimangono sospese le attività dei centri benessere, termali, sociali e culturali.
 
​Gli argomenti non citati restano vivi con le norme precedenti non abrogate.
 
​Le norme, fondamentalmente, restituiscono ai cittadini il senso di responsabilità e rimettono nelle mani di ognuno la buona riuscita dei piani strategici.
 
​Vista la complessità della normativa che richiama tutti all’attenzione e all’uso di precauzioni per combattere questa pesante pandemia, vista la difficoltà oggettiva di poter applicare i protocolli come richiesti per una collettività piccola come la nostra,
 
Chiedo a tutti uno sforzo nel rendersi protagonisti attivi per la costruzione di una forma di tutela verso se stessi, i propri familiari e la popolazione in genere.
 
​Certo del massimo impegno della collettività, vi saluto sempre con stima e resto a disposizione per ogni necessità.
 
​Cordiali saluti,
​​​​​​​​​​Il sindaco,
​​​​​​​​​Stefano Ambrosioni

Ordinanza regionale 17 maggio 2020

torna all'inizio del contenuto